| | |
Aldo Salvagno
Aldo Salvagno
Nessun corso

Sedi in cui insegna:

  • Palazzo Burgos, sede della Fondazione Fossano Musica - Fossano - (CN)
Nato a Salerno si è laureato con il massimo dei voti in Storia della musica nel 1995 all’Università di Bologna (Corso di laurea in DAMS) con una tesi sulle sinfonie di Šostakovič con il prof. Renato Di Benedetto, e si è diplomato in composizione nel 1996 al conservatorio “G.B.Martini” di Bologna. Ha tenuto corsi di alfabetizzazione musicale nella stessa universita’ bolognese dal 1998 al 2000.
Dal 2000 tiene regolarmente masterclass di interpretazione e stile dell’opera italiana (Parigi, Conservatoire National Superieur de Musique; Vienna, Tokyo, Melbourne Opera; Conservatorio di Shanghai Francoforte, Oper; Conservatorio di Shanghai, Lyon, Pole lyrique d’excellence).
Nel 2002, 2003 e 2004 ha insegnato “Storia della Musica” e “Musica d’insieme” presso l’Istituto Baravalle di Fossano, Cuneo,
Come musicologo: ha al suo attivo diverse pubblicazioni per riviste musicali come “Il saggiatore musicale”, ed è anche curatore di programmi di sala (Saggio su Cavalleria Rusticana, programma di sala, teatro La Fenice, Venezia, 2010); si segnalano altresì anche quattro monografie: sul compositore Stefano Pavesi pubblicata nel 2016 (La vita e l’opera di Stefano Pavesi, LIM, Lucca 2016), sulla vita del compositore Giuseppe Gazzaniga (Giuseppe Gazzaniga, maestro di cappella della cattedrale di Crema: vita, catalogo delle opere ed epistolario Lucca, LIM 2021), sul contrabbassista e compositore Giovanni Bottesini (Giovanni Bottesini il Paganini del contrabbasso, Lucca, LIM 2021) e su Antonio Bartolomeo Bruni (Antonio Bartolomeo Bruni, un cuneese nella Parigi rivoluzionaria, Lucca, Lim 2021). In occasione del 150 anno dalla prima dell’Aida, il Museo Egizio gli ha commissionato due scritti da inserire nel catalogo della Mostra, organizzata dal museo stesso, edito da Panini, Modena.
Nel 2020 ha curato la voce “Maria Zamboni” per l’enciclopedia Treccani, “Dizionario Biografico degli Italiani”.
Dal 2008 al 2016 è stato direttore artistico del Concorso lirico internazionale di canto “Anselmo Colzani” e della Stagione lirica del Teatro Consorziale di Budrio (Bologna) e dal 2015 è anche direttore musicale del Concorso Lirico internazionale di Canto a Portofino, in Italia.
La sua principale attività, la direzione d’orchestra, lo ha portato a dirigere dal 2000 ad oggi tutte le principali opere del repertorio lirico da Gluck a Puccini in teatri italiani, europei (Spagna, Germania, Ungheria, Francia, Svizzera, ed extraeuropei (Stati Uniti. Giappone, Cina e Australia) ed il suo repertorio lirico comprende oltre settanta titoli.
Ha lavorato con orchestre quali la Kyoto Philarmonic Orchestra l'Adelaide Symphony Orchestra, l'orchestra “Rossini” di Pesaro, la West Australian Symphony Orchestra, la Melbourne Opera Orchestra, l'Orchestra del teatro di Ekaterinburg in Russia, l’Orchestra Sinfonica “G.Verdi “ di Milano, l’Orchestra “Città di Ferrara”, l'Orchestra Filarmonica di Torino e l’Orchestra Internazionale d’Italia, l’Orchestra “A.Toscanini” di Parma.
Ha inciso Ero e Leandro di Bottesini (2009, CD e DVD Dynamic, prima rappresentazione in tempi moderni) l’operetta La secchia rapita di Burgmein/Ricordi (CD Dynamic, 2018, Orchestra Sinfonica “G.Verdi” di Milano) e L’impresario in angustie di Cimarosa (CD, Brilliant Classics, 2017)
Dal 2004 al 2009 ha lavorato in Australia dove ha diretto la prima versione di Madama Butterfly Melbourne, His Majesty’s Theatre), Madama Butterfly e Turandot (Adelaide, State opera Of South Australia) e La fanciulla del West (Perth, His Majesty’s Theatre, West Australian Opera)
Dal 2002 lavora costantemente in Giappone dove si è esibito numerosi concerti: da segnalare Il Tabarro di Puccini e Cavalleria Rusticana al Loft Theatre di Nagoja e successivamente Madama Butterfly nel 2004 alla Kyoto Concert Hall.
Nel 2005 ha diretto alcuni concerti a Detroit negli Stati Uniti
Dal 2005 dirige regolarmente in Spagna e dal 2014 è invitato a Shanghai per la stagione lirica del Conservatorio nella quale ha finora diretto Le nozze di Figaro, Don Pasquale e L’ Elisir d’amore
Nel 2009 ha inaugurato la 35° edizione del Festival della Valle d’Itria a Martina Franca, dirigendo un’inedita versione di Orfeo ed Euridice di Gluck-J.C.Bach;
Nel 2017 ha diretto l’Orchestra Sinfonica “G.Verdi” di Milano nella prima esecuzione de La secchia rapita, operetta di J.Burgmein-Ricordi; Don Giovanni (Pole Lyrique d’excellence, Lyon); Elisir d’amore, Aida (Cuneo), Traviata e Trovatore (Rapallo Opera Festival).
Nel 2018 e nel 2019 ha effettuato un lungo tour di 30 concerti con la Sanremo Philarmonic Orchestra, che ha toccato decine di città della Cina; ha diretto Turandot e Trovatore(Cuneo), e Rigoletto (Rapallo Opera Festival).
Ha altresì diretto nel 2019 un concerto lirico a Parigi collaborando con il coro di Radio-France e l’Orchestra di Opéra Bastille.
Iscriviti alla newsletter